Alimentazione e dintorni, Blog

Alimentazione e dintorni, Blog

Home > Gocce d’olio > Blog > Alimentazione e dintorni > Letture sotto l’ombrellone. Le riviste di cucina in Italia

Letture sotto l’ombrellone. Le riviste di cucina in Italia

18 Luglio, 2019

La tradizione italiana in ambito di riviste dedicate alla cucina è molto ricca e di vecchissima data: ricette, abitudini ed usanze sono sempre state al centro delle attenzioni del grande pubblico e della più diversa editoria.

Oggi le riviste cartacee espressamente dedicate al cibo sono oltre 40 e centinaia i siti, i blog, i notiziari online che si occupano della dieta e dell'alimentazione in generale.

Scorrendo questo immenso panorama, ci fermiamo su tre titoli tra loro molto lontani che ci sembrano comunque rappresentare a diversi livelli gli interessi del più ampio pubblico dei lettori, oltre che restituire tre visioni del mondo culinario tra loro complementari.

A pieno titolo ci piace citare per prima "La cucina italiana”, il più antico mensile di settore e ancora oggi tra i maggiormente letti. Edita a Milano alla fine del 1929, "La cucina italiana" nasce con lo scopo di valorizzare e divulgare le ricette storiche delle diverse regioni.

Con il passare degli anni e con il mutamento del pubblico, la rivista diviene un punto di riferimento popolare anche per i consigli alimentari e per le novità nell'ambito della gastronomia. Sin dai numeri più vecchi accanto alle ricette compaiono proposte di addobbi e decorazioni, regole di comportamento in cucina, contributi di artisti, scrittori o personaggi dello spettacolo, interventi letterari o musicali.

Per alcune mensilità"La Cucina Italiana" interrompe le uscite tra gli anni Quaranta e Cinquanta e questa breve uscita di scena non ferma l'evoluzione della rivista che cambia diverse direzioni e editori. Negli anni Ottanta inizia l'inserto monografico "Speciali de la Cucina Italiana" e negli anni Duemila si consolida definitivamente come la rivista di settore più letta, deposita il marchio ed è tradotta in lingua inglese per il mercato americano ed europeo.

Gambero Rosso (che è in realtà una casa editrice con moltissime espressioni, non soltanto una rivista) ha intenzioni e un tenore di comunicazione molto diversi rispetto a "La cucina italiana”: nasce come inserto di un quotidiano negli anni Ottanta e deriva il suo nome dalla celebre Osteria citata dal Gatto e la Volpe di Pinocchio.

Lega il suo immaginario e le sue attività allo Slow Food, movimento che ha determinato una grande rivoluzione del significato e delle aspettative del mondo enogastronomico.

Dalla fine degli anni Ottanta Gambero Rosso è riferimento di prestigio con le sue guide ai "Vini d'Italia" e ai "Ristoranti d'Italia" e diviene anche un'emittente televisiva (prima Rai, oggi Sky Tv) oltre che patrocinare le attuali Città del Gusto, veri e propri villaggi dedicati, comprensivi di scuole, teatri, ristoranti e osterie e studi televisivi, con sede oggi in alcune delle maggiori città italiane. Rimane tuttora tra i riferimenti più autorevoli degli chef pluristellati, produttori di vini, organizzatori di eventi eno-gastronomici, artisti del gusto.

Finiamo con una segnalazione "di nicchia" che ci piace citare perché rappresenta una visione "premium" e contemporaneamente molto aperta e versatile del mondo della cucina, un po' come le linee più preziose di Carapelli.

Si tratta di Cook_inc, un magazine quadrimestrale, che dal 2011 racconta il mondo e le sue espressioni attraverso la tavola e la cucina. Non vuole - come Gambero Rosso - recensire o classificare, ma ama gli approfondimenti, i ragionamenti, gli incontri. Si stupisce di fronte alle novità, ha uno sguardo ampio e a 360 gradi.

Approfittiamo delle stesse parole che Cook_Inc ci propone, per citare al meglio il suo spirito: "Ogni numero affronta un tema, concepito come linea guida, concedendosi talvolta il lusso di perdersi, perché come nella vita, a perdersi, capita di incontrare cose bellissime.

Tre visioni diverse di un unico mondo, quello della cucina e dell'arte del cibo in generale, che colora le letture estive di tinte diverse e soddisfa i più lontani "palati" con letture differenti - quando non opposte - della vita ai fornelli o a tavola.

© 2017 Carapelli Firenze S.p.A - Tutti i diritti riservati - P.iva IT06271510965 | INFO LEGALI | PRIVACY POLICY