Carapellli Home > Gocce d’olio > Blog > Il made in Italy > Il tradizionale rituale della raccolta delle olive

Blog: Il tradizionale rituale della raccolta delle olive

3 dicembre, 2018 | Carapelli | Blog - Il made in Italy

Ad autunno inoltrato si rinnova su tutto il territorio italiano (e non solo!) il rituale della raccolta delle olive.

Da ottobre fino alla metà del mese di dicembre, i frantoi di tutta Italia sono in fermento, pronti a raccogliere, una per una, tutte le olive che la natura è riuscita a produrre nei mesi precedenti.

Si tratta di un passaggio di fondamentale importanza per il buon esito del processo di produzione dell’olio: la cura e l'attenzione della raccolta determinano la tipologia e la qualità dell'olio stesso.


Diventiamo, qui, apprendisti agricoltori e cerchiamo di capire insieme come si comportano quei frutti dorati che sono le olive.

Il segreto della raccolta sta proprio nella capacità di comprendere il grado di maturazione dell’oliva. Nella fase iniziale, il cosiddetto stadio erbaceo, che corrisponde generalmente al mese di ottobre, l’oliva non ha ancora raggiunto la piena maturazione e risulta ancora ricca di clorofilla.
L’olio che si ottiene in questa fase è dotato di moltissime sostanze antiossidanti e il suo gusto è più deciso, caratterizzato da una piacevole nota fruttata e leggermente piccante.
La seconda fase corrisponde al momento dell’invaiatura, che si riconosce dal cambiamento di colore dell’oliva dal verde a un viola intenso; l’olio che se ne ricava assume un sapore più dolce e delicato.
Nell’ultimo stadio, l’oliva raggiunge la sovra maturazione e l’olio che ne deriva ha un sapore meno intenso e una qualità meno elevata.


Moltissime sono le tecniche utilizzate per la raccolta delle olive, dalla tradizionale raccolta a mano, un rito quasi scomparso e piuttosto legato alle tradizioni familiari o ai frantoi di coltivazione propria, alla raccolta manuale con il supporto di rastrelli e “pettini” metallici, fino alla raccolta meccanica, la più diffusa e oggi sempre più tecnologicamente avanzata, calibrata sul rispetto delle piante e del terreno sul quale si ergono.

Il nostro meridione è terra fertilissima in termini di coltivazioni olivicole: qui gli alberi sono in grado di adattarsi anche alle contingenze di clima e più avverse, poiché crescono in terreni che li rendono resistenti e longevi.


La raccolta delle olive rappresenta, quindi, un momento fondamentale per la produzione dell'olio in tutto il mondo mediterraneo.

I raccolti industriali sono ogni giorno più sofisticati e avanzati al fine di ottimizzare la qualità del raccolto e rispetto della natura; i piccoli produttori godono dal canto loro di un'occasione speciale di condivisione di un'esperienza unica, che nelle realtà familiari rinverdisce la gioia delle tradizioni più amate.

 

Ultime notizie

Carapelli a fianco della filiera italiana

Da sempre Carapelli mette la sua esperienza nell’arte olearia, a servizio dell’eccellenza del prodotto italiano e nel 2018 rinnova il …

Leggi tutto…

Street Food made in Italy: sano, gustoso e fedele alla tradizione.

Per lungo tempo snobbato e guardato con sospetto dai palati esigenti e raffinati degli italiani, lo street food, il cosiddetto …

Leggi tutto…

Il fungo: da nord a sud patrimonio italiano nel rispetto dell’ambiente

Grande passione o mestiere, la raccolta dei funghi in Italia è una pratica diffusissima, anche grazie alla grande quantità di …

Leggi tutto…

© 2017 Carapelli Firenze S.p.A – Tutti i diritti riservati – P.iva IT06271510965

Olio extra vergine di oliva
100% Italiano
Tracciato

Dall’oliva alla bottiglia. Il nostro impegno di qualità e trasparenza passa attraverso la tracciabilità.

Scopri i nostri oli 100% italiani.

Verifica subito la provenienza
della tua bottiglia di olio Carapelli